Sempre più, però, venivano aggiunti credenti al Signore

apostoli, fede, gesù cristo, dio, sacra scritturaDagli Atti degli Apostoli (At 5,12-16)
Molti segni e prodigi avvenivano fra il popolo per opera degli apostoli. Tutti erano soliti stare insieme nel portico di Salomone; nessuno degli altri osava associarsi a loro, ma il popolo li esaltava. Sempre più, però, venivano aggiunti credenti al Signore, una moltitudine di uomini e di donne, tanto che portavano gli ammalati persino nelle piazze, ponendoli su lettucci e barelle, perché, quando Pietro passava, almeno la sua ombra coprisse qualcuno di loro.
Anche la folla delle città vicine a Gerusalemme accorreva, portando malati e persone tormentate da spiriti impuri, e tutti venivano guariti.

Riflessione:
Salve a tutti, cari fratelli! Questo brano, prima lettura di oggi – domenica della Divina Misericordia – racconta lo svilupparsi della prima comunità cristiana, che ebbe il suo cardine in coloro che avevano vissuto alla sequela del Nazareno, ossia gli apostoli.

Tale comunità cresceva sempre più in numero: la novità dell’opera di Pietro e degli apostoli era che il loro annuncio non era riguardante una nuova dottrina, bensì una Persona: il Cristo, il quale mediante la sua morte e resurrezione ci ha salvato dalla colpa che ci viene dal cosiddetto “peccato originale”, aprendoci di fatto le porte del Regno di Dio.

In questo passo, nello specifico, vediamo realizzarsi una delle parole di Gesù:

“In verità, in verità vi dico: anche chi crede in me, compirà le opere che io compio e ne farà di più grandi, perché io vado al Padre” (Giovanni 14,12)

come infatti accade con gli apostoli i quali operavano molti segni e prodigi. Anzi, già il fatto che il popolo cercava di mettere gli ammalati per farli coprire dall’ombra di Pietro paragonato alla vicenda di Gesù che guarisce la donna affetta da perdite di sangue (la quale aveva toccato il suo mantello), può essere visto come un prodigio più grande di quelli operati dal Messia.

Questi fatti non ci devono far guardare gli apostoli come supereroi; anzi, proprio Pietro si era “macchiato” della colpa di aver rinnegato Gesù per tre volte, ma poi, avendo avuto fede in Lui, ed avendo ricevuto il suo perdono, gli fu affidato il grande compito di guidare la sua Chiesa. Lo stesso, quindi, ci viene chiesto anche a noi, ossia di imitare gli apostoli di Cristo, facendoci suoi annunciatori nel mondo contemporaneo: questa è la missione dei cristiani di oggi (e ciò non si limita ai soli consacrati).

Solo così facendo e con la fede in nostro Signore Gesù Cristo, potremo compiere opere simili a quelle compiute dagli apostoli.

Sempre più, però, venivano aggiunti credenti al Signoreultima modifica: 2013-04-07T18:53:45+00:00da netslash2010
Reposta per primo quest’articolo