La preghiera dell’umile penetra le nubi

primo-piano-art-marzo (1).jpg

+ Dal libro del Siracide (Sir 35, 12-14.16-18)
Il Signore è giudice e non v’è presso di lui preferenza di persone.
Non è parziale con nessuno a danno del povero, anzi ascolta proprio la preghiera dell’oppresso.
Non trascura la supplica dell’orfano né della vedova, quando si sfoga nel lamento.
Chi venera Dio sarà accolto con benevolenza, la sua preghiera giungerà fino alle nubi.
La preghiera dell’umile penetra le nubi, finché non sia arrivata, non si quieta; non desiste finché l’Altissimo non sia intervenuto, rendendo soddisfazione ai giusti e ristabilendo l’equità.

Riflessione:
Salve fratelli e pace a voi! Questo brano si può considerare strettamente correlato a quello presentato domenica scorsa (L’importanza della preghiera) e, personalmente, è una delle pagine della Sacra Scrittura che mi rallegra di più! Perché, quante volte capita, nella vita quotidiana, di osservare come spesso avvengono, in qualsiasi campo e talvolta forse anche ai nostri danni, dei favoritismi che consentono a qualcuno di avere la meglio su altre persone, che magari non meritavano “questo trattamento”? Lo stato d’animo che si prova nell’osservare ciò è un senso di ingiustizia, di rammarico, di grande sconforto. Ma è proprio in questi momenti in cui il Signore ci può essere di conforto! Egli ama la giustizia e se permette che queste cose possano avvenire è proprio per fare in modo che noi non smettiamo di credere in Lui e, confidando nel Suo immenso amore, non tarderà il momento in cui sarà ristabilita l’uguaglianza, già a partire dal tempo che stiamo vivendo! Ma, come ci ricorda anche il Vangelo di oggi (Lc 18, 9-14), Dio non ama chi si esalta, ma chi prega con umiltà, chi riconosce i propri errori e le proprie debolezze (pur cercando comunque di migliorarsi giorno dopo giorno con il Suo santo aiuto) e invoca la sua misericordia! Egli non si dimentica delle persone più fragili su questa terra, che saranno le prime ad essere soccorse da Lui, Padre onnipotente ed eterno, e tutte le preghiere degli umili, di tutti quei fedeli che agli occhi di Dio sottolineano le proprie mancanze piuttosto che quelle altrui, penetreranno le nubi e saranno presto esaudite per la gloria del suo figliuolo Gesù Cristo.

La preghiera dell’umile penetra le nubiultima modifica: 2010-10-24T17:37:00+02:00da netslash2010
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “La preghiera dell’umile penetra le nubi

  1. Esatto! Che consolazione che ci dà il nostro Dio. Grazie fratello che ogni settimana anche tu ci ricordi l’importanza di Dio nella nostra vita, poichè Dio per chi crede può solo migliorare la nostra condizione.

I commenti sono chiusi.