Sconfiggere la paralisi, si studia come muovere gli oggetti con i movimenti cerebrali

bimbo4.jpgSi può muovere un oggetto col pensiero? Da qualche anno a questa parte sì. Oggi esistono tecnologie che sfruttano proprio la “forza del pensiero” per aiutare persone paralizzate a comunicare o a compiere determinate azioni.

Per esempio, nel 1999 Niels Birbaumer, dell’Università di Tubinga (Germania), è riuscito a interagire con malati incapaci di muovere qualsiasi muscolo (lingua e muscoli oculari compresi, a causa di una lesione delle vie motorie), trasformando i potenziali elettrici della loro corteccia motoria (attivati appunto durante il pensiero) in un codice di comunicazione.

Più di recente Richard Andersen, del California Institute of technology (Usa), ha utilizzato una tecnica analoga sulle scimmie, impiantando elettrodi nella loro corteccia parietale (il “centro” che si attiva quando si progetta di fare qualcosa) e riuscendo a prevederne le azioni. Il prossimo passaggio, ha annunciato, sarà impiantare elettrodi nella corteccia cerebrale di persone paralizzate, decodificare i loro pensieri e tradurli in movimenti.

Un altro filone di ricerca sfrutta le onde elettromagnetiche cerebrali, che vengono interpretate da una macchina per la risonanza magnetica nucleare attraverso software molto raffinati. Con questa tecnologia Rainer Goebe J, neuroscienziato dell’Università di Maastricht, ha inventato un videogioco (una partita di ping-pong) in cui i protagonisti sono mossi dai “pensieri” dei giocatori.

Fonte: Il sapientino

Sconfiggere la paralisi, si studia come muovere gli oggetti con i movimenti cerebraliultima modifica: 2010-12-23T21:53:00+01:00da netslash2010
Reposta per primo quest’articolo