Lettera di Prandelli a Signori: “La vita non è una scommessa”

prandelli, calcioscommesse, scandaloMODENA – Cesare Prandelli scrive a Signori, all’indomani dello scandalo scommesse esploso nel mondo del calcio. «Caro Beppe, la vita non è una scommessa. È un dono, e bisogna viverla bene» è il messaggio del ct della nazionale. «Se lo incontrassi al bar del paese, forse lo abbraccerei. Senza dimenticare però che abbiamo delle responsabilità» conclude.

«È un periodo della nostra vita in cui ogni giorno ci alziamo e leggiamo di uno scandalo: anche quello di due milioni di case fantasma grida vendetta» commenta Prandelli «Non perdo la speranza e l’entusiasmo, non mi sento tradito – aggiunge l’allenatore azzurro -. Ma certo è un’altra brutta pagina che fa male».

«Nel nostro mondo ci sono troppe tentazioni. Questo è quel che succede, quando ci sono tanti soldi» dichiara. «Credo che dobbiamo tutti tornare a imparare che i soldi vanno sudati, non ci sono guadagni facili» conclude il ct azzurro.

Fonte: Leggo.it

Lettera di Prandelli a Signori: “La vita non è una scommessa”ultima modifica: 2011-06-03T17:54:00+02:00da netslash2010
Reposta per primo quest’articolo