Chi si unisce al Signore forma con lui un solo spirito. State lontani dall’impurità!

peccatori, gesù cristo, dio, signore, paolo, croceDalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corinzi (1Cor 6,13c-15a.17-20)
Fratelli, il corpo non è per l’impurità, ma per il Signore, e il Signore è per il corpo. Dio, che ha risuscitato il Signore, risusciterà anche noi con la sua potenza.
Non sapete che i vostri corpi sono membra di Cristo? Chi si unisce al Signore forma con lui un solo spirito. State lontani dall’impurità! Qualsiasi peccato l’uomo commetta, è fuori del suo corpo; ma chi si dà all’impurità, pecca contro il proprio corpo.
Non sapete che il vostro corpo è tempio dello Spirito Santo, che è in voi? Lo avete ricevuto da Dio e voi non appartenete a voi stessi. Infatti siete stati comprati a caro prezzo: glorificate dunque Dio nel vostro corpo!

Riflessione:
Salve fratelli miei cari e che la pace del Signore Risorto sia con tutti voi! La seconda lettura della liturgia di oggi, domenica 15 Gennaio 2012, ci pone davanti ad un brano (tratto dalla prima lettera ai Corinzi di san Paolo apostolo) molto interessante e che dà diversi spunti di riflessione. E con l’aiuto dello Spirito Santo spero di riuscire ad esprimerli al meglio.
Cominciamo col dire che le parole di San Paolo sono inequivocabili: “il corpo non è per l’impurità, ma per il Signore“. Dicendo ciò sorge subito un dubbio: che cos’è l’impurità? O, in altre parole, cosa rende l’uomo impuro, macchiato dal peccato? Questa è una domanda di non facile risposta. In generale, è peccato qualsiasi azione vada contro all’amore semplice e disinteressato nei confronti del prossimo ma anche di se stessi, come ci ha detto più volte anche Gesù (vedi Marco 10,17-19, Matteo 19,16-26). Lo stesso san Paolo, nella lettera ai Galati, rende la differenza tra puro ed impuro più chiara ed esplicita:

Del resto le opere della carne sono ben note: fornicazione, impurità, libertinaggio, idolatria, stregonerie, inimicizie, discordia, gelosia, dissensi, divisioni, fazioni, invidie, ubriachezze, orge e cose del genere; circa queste cose vi preavviso, come già ho detto, che chi le compie non erediterà il regno di Dio. Il frutto dello Spirito invece è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mitezza, dominio di sé; contro queste cose non c’è legge. Ora quelli che sono di Cristo Gesù hanno crocifisso la loro carne con le sue passioni e i suoi desideri.” (Galati 5,19-24)

Quest’elenco di cose non ci deve spaventare né scoraggiare dal punto di vista della fede, perché ognuno di noi, quando si mette pienamente in ascolto di Dio e della sua Parola, riesce ad adoperare al meglio la propria coscienza per distinguere il bene dal male, le azioni da compiere da quelle da evitare. Tenendoci lontani dal peccato, facciamo in modo da preservare integro il nostro corpo, tempio dello Spirito Santo, consentendo al germe di santità (che abbiamo ricevuto nel sacramento del Battesimo) di crescere sempre più e di avvicinarci al Signore e alla sua volontà. Poi è chiaro, capita a chiunque di sbagliare e di cadere in tentazione, per questo Gesù ha dato potere ai suoi apostoli di rimettere i peccati, e quindi per noi è possibile ritornare al nostro cammino di santità attraverso il sacramento della Riconciliazione (o confessione). 
Però quest’ultimo non deve essere, in un certo senso, un’autorizzazione a peccare, tanto poi sempre si può sempre ricevere l’assoluzione da parte di Dio attraverso i suoi ministri… niente di più sbagliato! Anzi, l’assoluzione e la grazia del Signore ci raggiungono sono se la confessione è sincera e accompagnata dal proposito di non peccare più.
Non prendiamoci in giro e, soprattutto, non proviamo a prendere in giro nostro Signore Gesù Cristo, che è capace di leggere nei nostri cuori e nei nostri pensieri, e sa chi siamo e che intenzioni abbiamo. Amiamo la nostra purezza e facciamo di tutto per mantenerla tale, tanto più perché siamo “stati comprati a caro prezzo”, al prezzo della croce di Cristo, che ha portato su di sé i nostri peccati e ce ne ha liberati.

Chi si unisce al Signore forma con lui un solo spirito. State lontani dall’impurità!ultima modifica: 2012-01-15T15:08:00+01:00da netslash2010
Reposta per primo quest’articolo