Per trovare l’anima gemella ci vuole il giusto… algoritmo!

amore, curiosità dal mondo, ricercaBasta farfalle nello stomaco, colpi di fulmine e canzoncine all Ally Mcbeal, l’amore è una questione di numeri, anzi di algoritmi.
Questo è quanto sostiene Amy Webb, autrice di Data. A love story: How I Gamed Online Dating to Meet My Match e consulente digitale inserita da Forbes tra le donne della tecnologia capaci di cambiare il mondo. 
Dopo diverse esperieze disastrose la donna ha elaborato un algoritmo attraverso il quale trovare un perfetto partner online. 

Primo passo fare un elenco di qualità maschili in base a tre categorie: cosa salvi dalle relazioni precedenti/cosa ritieni importante/cosa la tua famiglia ritiene importante. Poi dividerlo in due facendo una graduatoria, proprio secondo il criterio adottato dagli algoritmi dei siti di incontri.
L’autrice sostiene di concentrarsi dunque sui soggetti elaborati secondo i propri criteri e poi, come riporta il Corriere.it, aggiunge: «Devi pensare a te stessa come a un prodotto e alle piattaforme online come cataloghi commerciali» e lascia alcuni consigli: «Scrivere descrizioni brevissime, aspirazionali più che oggettive, usare al massimo cinque foto scelte con cura, non includere passioni che richiedono spiegazioni, bandire l’autoironia, non avere paura di fare la prima mossa e non menzionare il proprio lavoro».

Studiando i profili si possono capire molte cose: le donne con i capelli ricci, per esempio, vengono scartate più facilmente, gli avvocati tendono a controllare il cellulare il 67% di volte in più degli insegnanti. Quelli che bevono tanto scotch durante gli appuntamenti hanno la tendenza a parlare subito di sesso e molto altro. Certo la ricerca è esilarante ma di sicuro interessante. Chissà se un face to face non rimanga comunque il modo migliore per conoscersi.

Fonte: Leggo.it

Per trovare l’anima gemella ci vuole il giusto… algoritmo!ultima modifica: 2013-02-14T23:31:34+01:00da netslash2010
Reposta per primo quest’articolo