Papa Francesco bacia i piedi dei giovani detenuti: “È la carezza di Gesù”

papa, chiesa, carcereDopo la visita al carcere minorile romani di Castelli di Marmo Papa Francesco, al termine della breve Omelia per la Messa In Coena Domini tenuta nella cappella del carcere ha proceduto alla tradizionale cerimonia della ‘lavanda dei piedi’, richiamando lo stesso gesto che fece Gesù con i suoi 12 discepoli. Il Pontefice lo fa con 12 giovani ospitati nella struttura penitenziaria, ma con una significativa innovazione: i 12 ragazzi, infatti, sono 10 maschi e 2 femmine. Nel corso dell’Omelia, spiegando questo gesto compiuto da Cristo ai discepoli, il Papa lo ha definito «una carezza di Gesù, venuto a servire e ad aiutarci». 

IL MESSAGGIO AI GIOVANI DETENUTI «Sono felice di stare qui con voi. Avanti e non lasciatevi rubare la speranza. Capito? Sempre con la speranza avanti. Grazie». È quanto ha detto papa Francesco ai giovani detenuti durante la visita nel carcere minorile di Casal del Marmo. 
«Questi ragazzi mi aiuteranno di più a essere umile, a essere servitore, come dev’essere un vescovo». Lo ha detto papa Francesco al termine della visita a Casal del Marmo. «Quando mi è stato chiesto dove volevo andare in visita, la scelta di Casal del Marmo mi è venuta dal cuore – ha aggiunto -, le cose del cuore non hanno spiegazione».

I DETENUTI 
Sono 49 i ragazzi ospitati nell’ istituto penale minorile di Casal del Marmo che oggi pomeriggio Papa in occasione della Messa del Giovedì Santo in coena Domini che Francesco ha scelto di celebrare nell’istituto romano. Con dodici di loro il Pontefice compirà il rito della lavanda dei piedi, rinnovando il gesto d’amore che Gesù fece con i suoi apostoli. 
Sui 49 presenti – riportano i dati del ministero della Giustizia – 38 sono i maschi e 11 le femmine, fra minorenni (14/18 anni) e giovani adulti (18/21 anni). Undici sono gli italiani e 38 gli stranieri, per lo più nordafricani e slavi. Nel 2012 sono stati 251 (172 maschi e 79 femmine), i ragazzi transitati nell’istituto penale di Casal del Marmo.
I reati per cui sono detenuti sono per lo più contro il patrimonio, e in particolare furto e rapina, ricettazione. Ma i dati segnalano anche due casi di omicidio volontario e tre di violenza sessuale. Dei 38 stranieri presenti a Casal del Marmo, cinque ragazzi provengono dalla Romania, 13 (4 maschi e 9 femmine) da altri Paesi Europei, e in particolare 4 ragazze dalla Bosnia-Erzegovina, un ragazzo dalla Croazia, una ragazza dalla Macedonia, un giovane dal Montenegro e 6 dalla Serbia (2 ragazzi e 4 ragazze). 
Altri 19 giovani provengono da paesi africani e nel dettaglio un ragazzo dalla Costa d’Avorio, 2 dall’Egitto, 7 dal Marocco (6 maschi e una femmina), 4 ragazzi dalla Somalia e 5 dalla Tunisia. C’è infine un giovane proveniente dall’Ecuador. Per quanto riguarda l’età, 5 hanno 14 anni, 6 sono 15enni, 4 hanno 16 anni, 12 ne hanno 17, mentre 22 sono giovani adulti tra i 18 e i 21 anni, età limite entro la quale si può restare in un carcere minorile.

Fonte: Leggo.it

Papa Francesco bacia i piedi dei giovani detenuti: “È la carezza di Gesù”ultima modifica: 2013-03-28T21:44:56+01:00da netslash2010
Reposta per primo quest’articolo