“Siete tutti figli della luce e figli del giorno”

+ Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Tessalonicesi (1Ts 5,1-6) Riguardo poi ai tempi e ai momenti, fratelli, non avete bisogno che ve ne scriva; infatti sapete bene che il giorno del Signore verrà come un ladro di notte. E quando la gente dirà: «C’è pace e sicurezza!», allora d’improvviso la rovina li colpirà, come le doglie una … Continua a leggere

Vi siete convertiti dagli idoli a Dio, per servire il Dio vivo e vero e attendere dai cieli il suo Figlio

+ Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Tessalonicesi (1Ts 1,5c-10) Fratelli, ben sapete come ci siamo comportati in mezzo a voi per il vostro bene. E voi avete seguito il nostro esempio e quello del Signore, avendo accolto la Parola in mezzo a grandi prove, con la gioia dello Spirito Santo, così da diventare modello per tutti i credenti … Continua a leggere

Ogni lingua proclami: «Gesù Cristo è Signore!», a gloria di Dio Padre

+ Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Filippesi (Fil 2,6-11) Cristo Gesù, pur essendo nella forma di Dio, non ritenne un privilegio l’essere come Dio, ma svuotò se stesso assumendo una condizione di servo, diventando simile agli uomini. Dall’aspetto riconosciuto come uomo, umiliò sé stesso facendosi obbediente fino alla morte e a una morte di croce. Per questo Dio lo … Continua a leggere

Non di solo pane vivrà l’uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio

+ Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 4,1-11) In quel tempo, Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo. Dopo aver digiunato quaranta giorni e quaranta notti, alla fine ebbe fame. Il tentatore gli si avvicinò e gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, di’ che queste pietre diventino pane». Ma egli rispose: «Sta scritto: Non … Continua a leggere

Una sapienza che non è di questo mondo

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corinzi (1Cor 2,6-10) Fratelli, tra coloro che sono perfetti parliamo, sì, di sapienza, ma di una sapienza che non è di questo mondo, né dei dominatori di questo mondo, che vengono ridotti al nulla. Parliamo invece della sapienza di Dio, che è nel mistero, che è rimasta nascosta e che Dio ha … Continua a leggere

Chi si vanta, si vanti nel Signore

+ Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corinzi (Cor 1, 26-31) Considerate la vostra chiamata, fratelli: non ci sono fra voi molti sapienti dal punto di vista umano, né molti potenti, né molti nobili. Ma quello che è stolto per il mondo, Dio lo ha scelto per confondere i sapienti; quello che è debole per il mondo, Dio … Continua a leggere

Siate tutti unanimi nel parlare, perché non vi siano divisioni tra voi

+ Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corinzi (1Cor 1,10-13.17) Vi esorto, fratelli, per il nome del Signore nostro Gesù Cristo, a essere tutti unanimi nel parlare, perché non vi siano divisioni tra voi, ma siate in perfetta unione di pensiero e di sentire. Infatti a vostro riguardo, fratelli, mi è stato segnalato dai familiari di Cloe che tra … Continua a leggere

Mediante Gesù, Dio ci ha predestinati a essere suoi figli adottivi

+ Dalla lettera di san Paolo apostolo agli Efesini (Ef 1,3-6.15-18) Benedetto Dio, Padre del Signore nostro Gesù Cristo, che ci ha benedetti con ogni benedizione spirituale nei cieli in Cristo.  In lui ci ha scelti prima della creazione del mondo, per essere santi e immacolati di fronte a lui nella carità, predestinandoci a essere per lui figli adottivi mediante … Continua a leggere

Vita familiare cristiana, secondo il comandamento dell’amore

Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Colossesi (Col 3,12-21) Fratelli, scelti da Dio, santi e amati, rivestitevi di sentimenti di tenerezza, di bontà, di umiltà, di mansuetudine, di magnanimità, sopportandovi a vicenda e perdonandovi gli uni gli altri, se qualcuno avesse di che lamentarsi nei riguardi di un altro. Come il Signore vi ha perdonato, così fate anche voi. … Continua a leggere

Chi non vuol lavorare, neppure mangi

+ Dalla seconda lettera di san Paolo apostolo ai Tessalonicesi (2Ts 3,7-12) Fratelli, sapete come dovete imitarci: poiché noi non abbiamo vissuto oziosamente fra voi, né abbiamo mangiato gratuitamente il pane di alcuno, ma abbiamo lavorato con fatica e sforzo notte e giorno per non essere di peso ad alcuno di voi. Non che non ne avessimo diritto, ma per … Continua a leggere